Nell’ambito del settore strategico della proprietà intellettuale, Lawtelier offre assistenza legale in materia di brevetti e modelli di utilità, marchi, design, software e banche datiknow-how e segreti aziendali, nomi a dominio, indicazioni geografiche e denominazioni d'origine e diritto d’autore.

Le competenze dello Studio si estendono alla concorrenza sleale, occupandosi di vertenze riguardanti l’imitazione servile, l’appropriazione di pregi e il look alike, la denigrazione, lo storno di dipendenti, la sottrazione di segreti e la concorrenza parassitaria.

I professionisti svolgono la propria attività di assistenza in giudizio innanzi ai Tribunali civili e penali nazionali e alle istituzioni dell’Unione europea (Corte di Giustizia, Tribunale ed EUIPO), oltre che innanzi agli organi alternativi di risoluzione delle controversie quali, ad esempio, i Collegi arbitrali, il Giurì del Design e il Giurì dell’Autodisciplina Pubblicitaria.

La sua naturale e spiccata vocazione internazionale consente allo Studio di gestire anche contenziosi di dimensione transnazionale.

L’attività di consulenza stragiudiziale è svolta accompagnando e consigliando il cliente nello sviluppo e nella valorizzazione dei diritti di proprietà intellettuale. Lo Studio fornisce pareri preventivi, affianca il cliente nella negoziazione e predisposizione di contratti – quali ad esempio licenze, accordi di riservatezza, trasferimento di tecnologie e collaborazione tra imprese – e lo assiste nelle procedure amministrative volte a conseguire benefici fiscali collegati alla proprietà intellettuale – come ad esempio il Patent box – e in quelle finalizzate a prevenire l’introduzione in Italia e in Europa di prodotti contraffatti (sorveglianze doganali).

In tema di pubblicitàcomunicazione commerciale e pratiche commerciali scorrette, i professionisti dello Studio redigono pareri preliminari sul packaging dei prodotti e su campagne e spot pubblicitari, al fine di verificarne la conformità alla normativa in materia di pubblicità e concorrenza.

L’assistenza in tema di proprietà intellettuale abbraccia anche le tematiche relative alle invenzioni su commessa, le invenzioni dei dipendenti e la connessa questione dell’equo premio.